googleanalytics

Autismo in fotografia

L’Autismo visto attraverso le foto, l’unico modo per un padre di capire il figlio


(articolo di Valeria Bonora/Eticamente, link)


La persona autistica è una persona alla quale molti non riescono a dare un senso, a capire, ad interpretare, è facile dire che una persona è felice quando la si vede sorridere ed è facile dire che qualcuno è triste se lo si vede piangere… ma quando da un volto non trapelano emozioni, quando i comportamenti non permettono alcuna interpretazione diventa complicato rapportarsi con quella persona, e quando quella persona è tuo figlio la cosa è ancora peggiore.



Questo è il dramma che viveva il fotografo Timothy Archibald con suo figlio Elijah.

La frustrazione che prova questo padre nel non comprendere il figlio è tale che lui ha provato a fotografarlo, a fotografare lui e la sua vita, i suoi comportamenti, per provare a darne una spiegazione, un’interpretazione.


Così nasce Echolilia un progetto fotografico che raccoglie foto di un padre che cerca di capire il figlio.
Grazie agli scatti fotografici Timothy è riuscito ad entrare in sintonia con suo figlio, cosa che prima rendeva la sua vita impossibile, era troppo complicato riuscire a capire perché la sua mente era rivolta ai bambini che facevano cose “normali”, attraverso l’obiettivo fotografico è invece riuscito ad abbattere gli stereotipi e ha finalmente capito suo figlio, o almeno è riuscito ad entrare nel suo mondo, nelle sue abitudini per molti strampalate.



La prospettiva di Elijah non è quella degli altri bambini, il suo modo di vedere le cose è diverso, è intimo e personale, melanconico e le foto del padre racchiudono questo suo essere, così perfetto e normale se visto attraverso i suoi occhi.




E’ lo stesso bambino che si è appassionato al lavoro che il padre stava facendo, suggerendo location e posizioni, e il lavoro che ne è scaturito non è solo un album fotografico di grande effetto, ma un legame che va via via fortificandosi, tra padre e figlio, tra due mondi perfettamente in sincronia, tra due visioni che si fondono in un unico sentimento, in un unico modo di comunicare. Il loro lavoro fotografico è diventato il codice per “decodificare” il linguaggio che li unisce.


Qui l'articolo originale di Valeria Bonora
Qui la gallery di Timothy Archibald
Qui la pagina FB di Echolilia


Nessun commento:

Posta un commento